Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

< >

 

 

 

è sempre la stessa storia! Vignetta disegnata da un giovanissimo Paolo alla fine degli anni '70 del secolo scorso, purtroppo è sempre attuale.

altre strip qui

il restauRo è terminato

il lungo e accurato restauro si è concluso

la Fiat 24 restaurata

il sondaggio

< >

contattaci

racconta qui la storia della TUA 124

il libro degli ospiti

il forum

il blog

scrivici

una 124 abbandonata in provincia di Roma

parlano di noi

i link preferiti

Mondopapera: il mondo delle papere

Il mercato delle papere: si vende tutto, ma non le papere

Vialevacances: l'appartamento per le vostre vacanze a Parigi e  in Corsica

la pagina dedicata alla 124 all'interno del sito degli amatori Alfa Romeo

in ungherese il sito degli amatori della Zigulì

un sito francese molto simpatico consacrato alla 126

il blog di Michele dedicato alla Fiat 131

il forum  dedicato alla mitica Fiat 500

PORTALICO DEL 600 Y CLASICOS D'ALMORADI

La mia AlfaSud di Luigi Cecconi

Calimero: una  passione di Paolo

Altair 19 - ordina qui i tuoibiglietti di prestigio

la collezione di Citroen ... in miniatura

la collezione di Citroen ... in miniatura

------

.

sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768

created by Mondopapera

copyright © 2006. Tutti i diritti riservati.
Aggiornato il: 18-07-2017

< >

 

 

 

NEW! il forum di discussione sulla 124 vai alla home page il nostro profilo e come contattarci la storia del modello 124 tutto quello che riguarda la passione di Paolo per la 124 tutte le fasi del restauro della 124 le altre 124 le ultime notizie e le curiosità

La storia delle mie auto continua qui

Il seguito della storia

Nel tracciare la storia della nostra Grigiona, la nostra 124, ho toccato di passaggio vari altri argomenti: forse può essere interessante conoscerne il seguito per una serie di motivi, primo fra tutti per avere una completezza di dati che saranno preziosi per farsi un'idea più equilibrata possibile di queste vicende.
Una prima curiosità potrebbe essere: e le 128? che fine fecero? presto detto: usai più buon senso possibile e una immensa dose di rassegnazione.

Dal 1982 in avanti l'urgenza era divenuta "avere un'auto" piuttosto che "avere una 124" e quindi, come riconobbe mia madre, divenni maestro nell'arte di fare di necessità virtù. L'obiettività mi portò comunque ad apprezzare il servizio egregiamente svolto dalla 128 di mio padre e anzi, visto ch'egli non si interessava oramai più che marginalmente della sua manutenzione, mi feci volentieri carico io di questo, ricevendo in cambio tanta esperienza a tutti i livelli e la disponibilità d'uso dell' auto stessa, per la quale devo dire - per contro - che mio padre fu molto generoso; me la prestava tutte le volte che poteva.

Sempre per amor di verità debbo dire che, quando un paio di volte glie la rovinai leggermente, poca roba, un paio di strisciatine, non ne fece una tragedia né mi tediò con inutili rimproveri. Al contrario, la fase avanzata di allenamento per prendere la patente, il cosiddetto affinamento del mestiere me lo fece fare proprio sulla buona, docile 128 che ti perdonava tutto. Quest'auto poi sopportò il durissimo servizio che le chiedemmo nei duri anni '80, anni di privazioni e fatiche per pagare la casa.

Una grande performance richiestale erano i viaggi giù a Roma che facevamo in perfetto stile emigranti, roba che si vede solo sui film di Verdone!

La situazione tipo vedeva l’ auto carica con 4 adulti ed un ragazzo, portapacchi, il piccolo bagagliaio con la bombola del GPL e di-tutto-di-più alla rinfusa, dato l'esiguo spazio.

La 128 blù di mio padre passò a Marco nel 1986: egli, che ha le mani d'oro, la revisionò più volte e ci arrivò alla ragguardevole cifra di 248mila kM. Quando la buttò via, nell' autunno del 1988 aveva 17 anni e, dopo vari piccoli incidenti, manteneva la vernice originale solo sul tetto e su un parafango. Tre dei quattro sportelli erano stati sostituiti a causa della ruggine. Una contraddizione: se prima litigavo con mio padre perché l'aveva sostituita alla 124, negli ultimi tempi ci litigavo perché non le usava più riguardo e io invece mi ci ero affezionato e le ero grato! in effetti ebbe la sola "colpa" di aver sostituire un mito.

Quasi identica la storia della 128 mia, quella bianca, più anziana di un anno e mezzo; anche questa fu innanzitutto un terreno di esperienze per me e, avendomi dato la tanto agognata indipendenza, la trattai addirittura come un piccolo oracolo: per riconoscenza? per necessità? per inconscio bisogno di coccolarla al posto della Grigiona? non lo so di preciso, anche se adesso capisco di aver esagerato; ma ricordate la battuta del "cane da caccia legato per mesi"?
I suoi piccoli guasti meccanici venivano egregiamente e sistematicamente riparati dal mio ex-suocero, capo-collaudatore della Fiat, un vero mago dei motori.

Sull'onda dell'entusiasmo giovanile ci provai di tutto: prese d'aria, strumenti ausiliari, fanalini vari, adesivi, orpelli, varie disposizioni dell'impianto radio... e ci buttai pure qualche soldo! ma imparai tante cose; soprattutto imparai a dare all' auto la sua giusta collocazione, come per tutte le cose.
Anche la mia ebbe l'impianto a GPL, arrivò a 19 anni, 217mila kM col motore originale e un surriscaldamento sul groppone, superato senza batter ciglio. E non mi lasciò mai per strada!
Quindi, delle 128 non posso che parlarne bene, al di là delle mie scelte e dei miei gusti. Certo anche loro avevano i loro difetti, il peggiore dei quali - manco a dirlo - era la ruggine.

COSA E' RIMASTO DELLA 124
Praticamente niente, a livello materiale. Perché se fossi riuscito ad averla le avrei fatto quello che feci alla 128 mia, cioè ri-sistemarla al meglio delle mie possibilità tecniche e finanziarie; e proprio questo avermela tenuta lontana ha determinato la sua fine totale, non ho più nemmeno una vite di lei, me l'hanno gettata via senza pietà. Mi sono rimaste solo le foto ...e la sua radio! sì perché io e mio padre abbiamo un debole per le radio e lui quella volta non volle dare via anche la radio della Grigiona.
Allora il genio di casa, Marco, le ha costruito un piccolo alimentatore a 12V che le permette di funzionare con la tensione di rete; il sottoscritto l'ha recuperata nella soffitta del padre e le ha costruito un mobiletto. Adesso me la sono fatta regalare e l'ho installata in garage dove me la godo ogni qualvolta mi reco là a fare qualche lavoro di bricolage. Anche l'altoparlante è originale della 124.
Questa autoradio, insieme alla memorabilia visibile in questo sito, era tutto quello che avevo sulle 124 fino ad un anno fa.
[recentemente si sono frantumati per vecchiaia alcuni ingranaggi di teflon e non è più possibile sintonizzare la mitica autoradio. Non è nemmeno possibile sostituirli, ammesso che fosse possibile trovarne di ricambio, data la complessa costruzione del modello. NdR].

"WHAT IF...."

E' un'espressione tanto in voga in questi tempi di "revival", anche per indicare una sorta di fantasticheria che tutti noi - prima o poi - facciamo su qualche cosa; ovviamente, nel mio caso, nel lontano 1980 "what if" era riferito alla mia amata Grigiona. Nella mia mente di adolescente c'era in fin dei conti quello che tanti appassionati di auto storiche si accingono a fare adesso, e che ho fatto alla mia amata veterana attuale, sua più fortunata gemella.

Come si può immaginare dai disegni a fumetti che talvolta mi dilettavo a eseguire a quell'età (vai a vederli), il mio sogno era riprendermi la 160-502 e - come già detto - revisionarla totalmente: farle revisionare il motore e la meccanica tutta, riverniciarla personalmente tutta daccapo dello stesso colore - anche solo con la vernice alla nitro e un compressore - rimetterle le borchie e sostituirle volante, cruscotto (e contakm) rovinati, magari con quelli della serie II, più robusti; e re-installarle naturalmente la sua autoradio, la Autovox.
Non era difficile fantasticare questo, specie vedendo che i demolitori cominciavano ad averne diverse in carico e quindi ad esserci una abbondante offerta di pezzi a buon mercato. Ma purtroppo questo non accadde, anzi....

QUELLE DEGLI ALTRI...
Tutto quello che potei fare fu ammirare e agognare quelle degli altri, amici e conoscenti, e mordermi i gomiti!

Dal 1982 in avanti, come già accennato altrove, da quando cioè io e coetanei avemmo la patente, molti miei amici ebbero spesso in eredità una vecchia 124 alla stregua di come io ebbi la 128: ma nessuno fece come me, la trattò bene, con riguardo, nessuno come me se ne servì con la moderazione di colui che è consapevole di avere solo quello...
Al contrario, la gamma dei comportamenti andò dalla distratta routine di un' amico di scuola - purtroppo scomparso in giovanissima età - che usò una delle ultime I^ serie prodotte nel 1970 fino a precoce consumazione, alla distruzione volontaria da parte di un altro imberbe idiota che si divertì a massacrare quella del padre improvvisamente invalidatosi (quella bianca della foto); passando per l'indifferenza totale di parecchi miei vicini di casa; il massimo dell' obbrobrio per me fu, nel 1990 circa, trovare una splendida "Special T" 1600, praticamente nuova, di un anziano anch'egli vicino di casa, presso un demolitore di Falconara: evidentemente gli era successo qualcosa e il suo piccolo gioiello era stato frettolosamente e spietatamente buttato allo sfascio; tale doveva essere stata la fretta di liberarsene che non si erano nemmeno presi la briga di svitare le viti delle targhe, che le erano state brutalmente strappate! costernato come me, l'anziano demolitore, rassegnato, mi regalò il suo libretto.
E queste solo alcune di tutte quelle che ricordo e che non menziono per brevità. Quante ne sono state distrutte, ancora valide, alcune seminuove! solo un carissimo e fraterno amico di papà tenne fino alla fine la sua 1200/I^ serie e me la fece guidare tante volte. Ecco il perché di tanto mio rammarico.

Vai a vedere la Photogallery di questa sezione