Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

< >

 

 

 

è sempre la stessa storia! Vignetta disegnata da un giovanissimo Paolo alla fine degli anni '70 del secolo scorso, purtroppo è sempre attuale.

altre strip qui

il restauRo è terminato

il lungo e accurato restauro si è concluso

la Fiat 24 restaurata

il sondaggio

< >

contattaci

racconta qui la storia della TUA 124

il libro degli ospiti

il forum

il blog

scrivici

una 124 abbandonata in provincia di Roma

parlano di noi

i link preferiti

Mondopapera: il mondo delle papere

Il mercato delle papere: si vende tutto, ma non le papere

Vialevacances: l'appartamento per le vostre vacanze a Parigi e  in Corsica

la pagina dedicata alla 124 all'interno del sito degli amatori Alfa Romeo

in ungherese il sito degli amatori della Zigulì

un sito francese molto simpatico consacrato alla 126

il blog di Michele dedicato alla Fiat 131

il forum  dedicato alla mitica Fiat 500

PORTALICO DEL 600 Y CLASICOS D'ALMORADI

La mia AlfaSud di Luigi Cecconi

Calimero: una  passione di Paolo

Altair 19 - ordina qui i tuoibiglietti di prestigio

la collezione di Citroen ... in miniatura

la collezione di Citroen ... in miniatura

------

.

sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768

created by Mondopapera

copyright © 2006. Tutti i diritti riservati.
Aggiornato il: 18-07-2017

< >

 

 

 

NEW! il forum di discussione sulla 124 vai alla home page il nostro profilo e come contattarci la storia del modello 124 tutto quello che riguarda la passione di Paolo per la 124 tutte le fasi del restauro della 124 le altre 124 le ultime notizie e le curiosità

il restauro della 124 2° parte

Indice di tutti i capitoli delle fasi del restauro della Fiat 124 berlina

capitolo precedente restauro 1° parte


Giro la chiavetta per la prima volta 17/11/2006

Ciao Cinzia,
ieri sera, a quest'ora ero ...in estasi! stavamo facendo girare il motore della 124! Ma ti racconto tutto dall'inizio. Ieri pomeriggio dunque, una bella giornata di sole, sono andato nell'officina di Piero col preciso intento di "tirare a lucido" il cruscotto della 124.
Siccome era tempo bello e caldo, Piero aveva aperto anche la grossa saracinesca dietro la quale sta la 124 e che è normalmente chiusa. Di fronte all'officina hanno da poco demolito un paio di enormi vecchi casermoni anni '60 (per costruirne altrettanti nuovi, grossi e altrettanto brutti....) e c'è una polvere della malora!

Sennonchè, malgrado la assiduità delle mie visite, la nostra "povera" era abbastanza sporca! il tempo di scambiare due convenevoli e mi metto subito al lavoro. Mi ero portato un piccolo catino di plastica, sapone liquido (delicato), pelli, spugna e spray apposito per cruscotti. Ho lavato con gran cura il cruscotto, il quadro porta-strumenti, le spiette, gli interruttori, la plancia, il gruppo del riscaldamento, le antine parasole e... mentre pulivo queste ultime che ti salta fuori? due ricevute di transito perfettamente conservate, una dell'autostrada del Brennero, risalente al 4 Giugno (giorno del mio compleanno!) 1987 e l'altra del traforo del Monte Bianco, ma del quale non si riesce a decifrare la data.

Mitica questa auto, ogni tanto mi riserva qualche bella sorpresa! ogni tanto "tira fuori un coniglio dal cilindro"! io adoro queste cosette d'epoca, come un vecchissimo disco orario anni '60 di cartone a forma di pneumatico, i libretti delle autostrade degli anni '70, mitici come stavano sulla grigiona di mio padre!..... tutte cose che adesso custodisco con cura ...religiosa!
Risciaquato con attenzione il tutto, onde evitare che qualche malaugurata goccia d'acqua mi andasse a fare contatto da qualche parte, l'ho asciugata e poi le ho passato questo spray apposito senza lesinare: adesso anche il cruscotto e il volante brillano, il quadro contakM è limpido; insomma con le cromature lucide e tutta pulita, dentro e fuori già sta acquistando una certa ...autorevolezza! (ehehehehe!).

A quel punto mi viene prepotente un desiderio: metterla in moto. Già, perché da quell'ormai lontano 10 Dicembre 2005 la nostra beniamina è stata "accantonata" il quell'angolo di garage e non è stata più toccata (visite mie a parte).
Apro il cofano motore, ricollego i morsetti della batteria nuova, controllo il livello dell'olio che è di molto sopra la tacca (meglio così che senza!!) e dell'acqua nel vaso semitrasparente d'espansione.

Salgo a bordo e giro la chiave al primo scatto: le spie "GEN" e "PRESS" brillano vive: la batteria non si è scaricata. A quel punto, con l'aria quasi compunta del bambino che chiede un grosso favore (Piero è buono ma un po' rude, "non ne vuole tante" e - soprattutto - esige rispetto, non tollera maleducati!) vado da lui e chiedo di poterla mettere in moto, oltretutto dietro il bagagliaio c'è - appunto - l'aria aperta (serranda alzata).

Andiamo là io e lui, mi dice di sedere al volante e di mettere in moto, provo ma un anno di fermo assoluto esige il suo obolo. In compenso la batteria è in ottima forma (le ho comprato una Bosch, mica una scarsa!). Allora lui si sostituisce a me e comincia a provare.

Anche il motorino di avviamento gira allegro e solerte, la ventola di raffreddamento, sporca, annaspa nell'aria, il vecchio motore si scuote sul suo asse longitudinale mentre la leva di rinvio del comando della farfalla và avanti e indietro, freneticamente e ripetutamente, mentre Piero dà continui colpi di acceleratore per pompare benzina nel carburatore che si è oramai svuotato.

Il tipico rumore di questa operazione mi riporta di colpo indietro di 35 anni, quando in circostanze molto meno allegre, come appena dopo una grossa scossa di terremoto, mio padre avviava freneticamente la AN*160502 giù negli scantinati del garage condominiale di via Monti Sibillini n.4, a Posatora, in Ancona, nell' inverno del 1972.

Il carburatore si è riempito, il motore vorrebbe partire ma si capisce che non è (non può essere) perfettamente a punto, tossisce, "starnuta", l'elica gira sempre più forte e ogni tanto dà qualche frèmito. Poi, di colpo, con un bel rombo il motore parte e si sente la sua bella e gradita voce, le pale dell'elica di "Moplen" (polivinile) diventano un disco trasparente.

Piero dà una discreta accelerata, il motore ruggisce, un povero vecchio ragno morto, spinto fuori dai gas di ricircolo che provengono dal coperchio delle punterie (e non più convogliati nel filtro dell'aria perché il relativo tubo è rotto - ne ho già uno pronto nuovo) mi arriva addosso. L'aria intorno alla 124 è satura di queste esalazioni non proprio pulite mentre il rombo possente di questo "superquadro sportivo", col caratteristico ticchettìo delle aste e dei bilancieri delle valvole della distribuzione e il frusciare degli ingranaggi e della "ferraglia" riempie l'aria col suo frastuono.

Adesso il motore comincia a scaldarsi, Piero lascia l'acceleratore e l'auto comincia a girare al minimo. "Lascialo girare un po' che gli fa bene, anche alla batteria" mi dice, per poi scomparire dietro un nuovissimo coupè Alfa GT nero.
Io, felice e contento, ammiro la mia beniamina e mi godo la voce caratteristica del suo motore, una voce che le mie orecchie e il mio cuore non hanno mai dimenticato e che - anzi - sentono come una musica... comincio a spolverarla con attenzione, pezzo per pezzo, prima il tetto, poi il il lunotto, poi il cofano dietro, le fiancate...
Salgo a bordo, dentro, che profuma di pulito e, quasi con devozione accendo i fari e provo le spie: funziona tutto! I suoi "occhi" si sono accesi e adesso sembra che stia ridendo felice, contenta di essere calcolata, amata, di ricevere cure che forse non si aspettava mai più. Forse adesso ha capito in che mani è finita, MAI PIU' vedrà pararsi davanti lo spettro della pressa dell' orco-demolitore, delle sue manacce assassine, sporche-luride, spesso tozze, dai modi sbrigativi e lapidari, insensibili e spietate. Quest'altra 124 deve vivere, merita di vivere! e sopravvivrà, parola mia!

L'inizio dei lavori dovrebbe essere questione di pochi giorni, degli ultimi di questo mese a detta di Piero, al quale non faccio MAI sentire il fiato sul collo, oltre perché darebbe fastidio a me stesso, ma anche - se non altro - per la riconoscenza che gli porto.
Ho finito di godermi la spolveratura, il circuito di raffreddamento è andato in pressione regolarmente, il motore è arrivato a règime. Spengo l'auto, stacco i morsetti e richiudo il cofano-motore.
Dietro asporto la ruota di scorta ...quasi esplosa, il martinetto, la scatola attrezzi e il triangolo, e me li porto a casa: quando l'auto andrà in carrozzeria non le serviranno. Nel bagagliaio rimangono due scatoloni di pezzi nuovi (!!!).

Oggi pomeriggio invece, avendo un paio d'ore, mi sono messo a preparare la calandra nuova che sostituirà - almeno temporaneamente - quella che c'è. Nella mia intenzione installerei questa nuova e poi, con calma, cercherei di recuperare (carteggiare, ripulire e ri-cromare) quella originale.

Ci sono volute un paio d'ore, diversa ovatta "Duraglit" e tanto, tanto "olio di gomito": perché la calandra è sì nuova, ma è stata in magazzino per 35 lunghi anni, ha l'età di mio fratello Andrea, l'autore del disegno. Sennonchè le striscette orizzontali cromate sono abbastanza ossidate e abbisognavano appunto di una prolungata e insistente lucidata.
E mi è andata ancora bene perché questa calandra è del modello successivo (Novembre 1970-Maggio 1972) e differisce leggermente da quella originale per avere la metà delle striscette orizzontali verniciate in nero satinato.

Riportàtala in condizioni quasi perfette, con estrema soddisfazione le ho poi applicato lo stemma Fiat originale recuperato dalla consorella/relitto di Jesi. Un altro tassello sistemato. Passo poi alla scatola porta-attrezzi originale: con uno straccetto inumidito di nafta le ripulisco alcune scolature del provvidenziale trattamento antiruggine che il carrozziere-sòla le aveva - per nostra fortuna - effettuato, poi col migliore spray sciogli grasso di Paola la ripulisco tutta, dentro e fuori, manico del cacciavite compreso.

Adesso questo importante accessorio è come nuovo, completo di tutti gli attrezzi originali. Bene Cinzia, devo dire che mi sto divertendo parecchio ultimamente e il bello deve ancora venire! Sai nel frattempo che ha "combinato" il Franz? Sta lavorando come corriere e - casualmente - durante i suoi giri, ha scovato a Laives, un paesino vicino Bolzano, una 124 di costruzione sovietica, in pratica un clone della nostra pisana, solo che è giallo-arancio, ha la targa cecoslovacca e la scritta "Lada" al posto di "Fiat 124" (*).

Da scrupolose indagini che ha svolto, ha scoperto che era di un camionista cèco che lavorava per una ditta di Laives e che si è dileguato dopo aver distrutto un suo camion (TIR) in Germania. Adesso la povera Zhigulì è abbandonata lì, ancorchè in ottime condizioni e il Franz sta facendo carte false per salvarla (=prendersela).
Siamo matti noi uomini eehh?? Sì, forse io, il Franz e qualcun altro siamo un po' malati. MA non siamo pericolosi! (ehehehehe!).

Adesso ti saluto perché vado a scrivere il primo pezzo da mettere sul sito,nella pagina della storia del modello 124 (e simili) che avrei voluto fare sintetica ma che non lo sarà, data l'importanza dell'auto e delle sue numerose versioni
Ciao Cinzia, buon fine settimana e ... un lampeggio di riconoscenza dalla 124!

Con affetto
Paolo.


(*) le differenze del modello sovietico con quello nostro non si fermano certo qui ma sono ben altre e di vasta proporzione!

Nella foto: il modello successivo alla nostra, del 1971 che montava appunto la calandra nuova oggetto del lavoro di oggi pomeriggio


Giro di nuovo la chiavetta 29/11/2006

Ciao Cinzia,

ecco LE FOTO "appena scaricate", fresche di giornata della nostra beniamina tirata a lucido per farti un saluto!

Stamane alle 11,30 ero da Piero e dalla nostra amata. Piero mi ha accolto col sorriso, c'era un bel sole, mi ha preso bonariamente in giro perché ormai mi presento sempre col piumino per spolverare e poi ha detto a me di aprire la gigantesca serranda motorizzata a guardia della 124.
Ho rispolverato con piacere la 124. Povera, con tutto quel casino di cantiere là dietro si sporca facilmente, ma non c'è problema, ci sono sempre io che la accudisco con estremo piacere. Mi piace quell'odore di vecchio che ha l'arredamento interno, ma non è esattamente "di vecchio" perché anche quella di mio padre ce l'ha sempre avuto: è semplicemente l'odore dei materiali sintetici, odore che hanno tutte le auto di quei tempi.
Quando mi è sembrata sufficientemente pulita ho cominciato a scattare le foto da tutte le angolazioni. La poverina ha davvero i freni bloccati: méssala in folle e tolto il freno a mano, mi è venuta una vena grossa un dito sulla fronte nello sforzo di tirarla indietro di mezzo metro dal punto dove stava; questo perché oggi sfortunatamente davanti a lei c'era un' auto incidentata e smontata.
Poi ho riaperto il cofano motore, ho ricollegato i morsetti, ho chiesto "l'autorizzazione al decollo" a Piero e... lei era lì che mi aspettava; ormai ha capito e mi aspetta: giro la chiavetta, le spie brillano vive su un quadro strumenti ormai pulito, tiro delicatamente il comando dello starter per l'avviamento a freddo, spingo a fondo il pedale della frizione, per evitare durante questa fase di trascinare in movimento anche gli ingranaggi del cambio, inutili per adesso. Pochi giri di motorino dal magico rumore e... VROOOOOM! parte prontamente mentre in sottofondo si sente lo strano sibilio dello starter tirato, proprio come la 160-502.

Lei vuole vivere e sa che le vogliamo bene: quindi ormai mi aspetta, aspetta le mie cure, le mie coccole, le mie attenzioni, le mie premure, il mio sguardo scrutatore e vigile; mi aspetta e parte subito, "io sono pronta" sembra voler dire; mentre guardo l'elica sinistrorsa che gira al minimo e la dinamo non carica perché i giri motore sono troppo bassi, provo un vero e proprio senso di tenerezza.
Quest'auto il I° Gennaio prossimo compirà quarant'anni! ed eccola lì, tranquilla, come se fosse ordinario e normale per lei vivere in questo mondo ultramoderno dove dominano centraline elettroniche, computer di bordo, iniettori-pompa, navigatori satellitari, ABS, EBD, "pirippippì", ed Dio solo sa quante altre diavolerie!
Lei che in tutto ha 2 strumenti indicatori analogici e sette segnalatori, le cosiddette spie! un bottone per le luci, uno per il tergi, uno per il ventilatore dell'interno (ad una velocità) ed è tutto; per la prima volta provo ad azionare il tergicristallo, una sola battuta a secco: puntuale si aziona, ad una velocità ridicola, ma funziona! Lei c'è, è pronta, è pronta a continuare, perché è normale che funzioni sempre no? loro, le auto della sua generazione, erano così, eterne e indistruttibili, semplici ma efficienti.
E ha anche una bella “voce”, ancora forte e chiara; appena tocco il caratteristico anello di comando per il clacson si azionano le trombe bitonali, di serie dopo un certo numero di esemplari.
Dopo che l'ho fermata dò un'occhiatina al filtro dell'aria dall' alloggiamento esclusivo di questa versione: c'è un po’ d'olio, segno che le fasce dei pistoni sono usurate e che quindi passa attraverso di loro; no-problem, ne ho giusto di nuove pronte, insieme a tutte le guarnizioni e tutti gli accessori-motore.
Esaminando con la luce del sole il cofano posteriore vedo con vero piacere che il carrozziere del tempo aveva almeno cosparso la nostra beniamina di liquido antiruggine; debbo constatare con molta soddisfazione che le condizioni della 124 sono ancora buone, molto per merito anche di questo.
Anche oggi ho avuto la mia grande soddisfazione. Di questi tempi sono un po’ stressato a causa di tante piccole cose sommate assieme; stamattina alle 12,30 me ne torno a casa soddisfatto, tranquillo e di buon umore. Che bello, finalmente ho una 124!!

Le foto: : hai visto come brilla? e nota che è come l'ho presa da voi; d'altra parte certe cose si fanno per bene o per niente, altrimenti non hanno senso.


Sono arrivati i nuovi pezzi di ricambio 25/1/2007

Ciao Cinzia,
Ieri pomeriggio ho avuto altre due grandi soddisfazioni, una dopo l'altra. La prima, naturalmente presso l'officina di Piero: mi sono recato là a trovare la 124 che è sempre nel suo cantuccio poggiata sui cavalletti, privata del motore, "mezza sbudellata"; ma sono arrivati tutti i pezzi nuovi scintillanti! in pratica il laboratorio di Piero, la saletta coi banconi da lavoro che sovrintende i saloni coi ponti sollevatori, è mezza piena di una valanga di scatole e scatoloni coi pezzi nuovi di fabbrica della 124!

Non sto più in me dalla gioia! innanzitutto perché avevo una forte e fondata paura che la loro disponibilità non fosse così scontata, visto l'età della macchina, e poi non credevo che Piero sarebbe arrivato a tanto! in pratica già adesso, prima di andare in carrozzeria la 124 avrà tutto l'avantreno, le sospensioni e i freni nuovi. Tutta roba nuova. Questo per il piacere di rifarla più bella e sicura possibile.

Che gioia ieri sera mentre, sotto lo sguardo sornione e divertito di Piero, scartavo le scatole con la stessa frenesia di un bambinetto che scarta i regali di Natale! questi sono i bracci triangolari stampati, queste le boccole dello sterzo, questi gli attacchi dei puntoni di reazione dell'avantreno, queste le pastiglie dei freni ... poi qua addirittura già i filtri dell' aria e dell'olio originali! dovevo avere negli occhi lo stesso scintillio di quei pezzi nuovi luccicanti...

Piero inoltre mi dice che, mentre l'auto sarà in carrozzeria per qualche mese, lui con calma rifarà piano piano tutto il gruppo motore-cambio. Di là, intorno al ponte sollevatore dove abbiamo eseguito il lavoro, ancora i pezzi della 124 testimoniano la sua presenza: da una parte le ruote, dall'altra il cambio, in un altro angolo, appoggiato a una vecchia 500 il radiatore vecchio... bene, ieri sera esco dall'officina veramente contento e radioso.
Arrivato a casa, trovo diverse chiamate telefoniche sconosciute; verso le 21 uno di quei numeri richiama e - chi è? - è un' anziana signora che proprio di fronte dove abitavamo ai tempi della 160-502, vende un bel garage e, allertata da un'altrettanto anziana signora che mi ha visto crescere in quei tempi perché nostra coinquilina in quel palazzo, Bruna, che ci vuol bene come una madre, mi ha prontamente chiamato.

Sembra che il destino ci stia spianando tutte le strade. Incrocio le dita per scaramanzia; ma guarda un po' che storia, un garage per la 124 proprio nella stessa strada dove tenevamo la Grigiona! il mio cuore è rimasto là ed evidentemente qualcosa di me è destinato a tornarvi... ma questa è un'altra storia che ti dirò prossimamente.


Sono stati montati i nuovi pezzi di ricambio 7/2/2007

Ho ancora le mani sporche di grasso e la polvere nei capelli: stamattina alle nove ero in officina. E' da ieri pomeriggio che lavoriamo sulla 124: che lavorone!
Dunque adesso la nostra beniamina è senza motore e senza coperchio del cofano anteriore e domattina il carrozziere andrà a prenderla. In questi due giorni gli abbiamo cambiato tutte le sospensioni, tutta la tiranteria dello sterzo e i freni al completo; della roba originale le sono rimasti solo i molloni! che effetto magico tutta quella roba nuova, luccicante, appena scartata, installata... Le pinze dei freni sono state talmente ben revisionate che sembravano nuove, i tubi dei freni sono nuovi, idem le pasticche e i dischi.

Nuovi tutti e quattro gli ammortizzatori, tutti i tiranti dello sterzo, i gommini, le boccole, i silent-block.... che effetto! adesso se la vedi pare tutta contenta e impettita, col nuovo assetto; e ha anche un bel caratterino! si vede che non ha digerito il fatto che giorni fa, al meccanico a cui Piero ha demandato il compito di fare il lavoro, è schizzato via un mollone di una sospensione: che paura. L'ordigno, caricato di una forza impressionante, perché destinato a reggere il peso della macchina, ci è inavvertitamente sfuggito, ci ha mancati (ci avrebbe potuto uccidere) e rimbalzando, ha ammaccato lievemente la portiera lato guida della 124. Io sono trasalito ma non ho potuto dire niente; il danno è lieve e comunque la 124 avrà un po' da fare in carrozzeria.

Ma lei che è una Signora, non le deve essere rimasto simpatico il ragazzo dai modi sbrigativi e poco riguardosi; oggi si è vendicata dandogli un morso ad una mano: ehehehehe, scherzo! in realtà il meccanico ha messo un dito dove assolutamente non lo doveva mettere: fra un attrezzo e il mollone anteriore destro: quando questo ha centrato la sua apposita sede nel triangolo d'acciaio stampato, il mollone gli ha pizzicato di striscio un dito rischiando di staccargli una falange! gli è andata veramente bene.

Molto modestamente la mia presenza è stata fondamentale perché "l'occhio del padrone ingrassa il cavallo", dice il proverbio. Infine c'è stata la gradita visita del carrozziere, Leo: a lui ho evidenziato le magagne, ho chiesto cosa le farà e come intende procedere ed egli mi ha tolto parecchi dubbi e curiosità.

Allora l'auto sarà lavata tutta sotto e ripulita dalla ruggine. Verrà poi smontata tutta, porte e vetri compresi e raschiata a ferro. Le saranno rifatte le pezze di lamiera dove sono i buchi e verrà ristuccata e riparata dove c’è qualche piccola ammaccatura e/o imperfezione. Verrà riverniciata tutta, sotto avrà l'antirombo nero e poi le faremo un completo trattamento antiruggine. Le verranno riapplicate le famose modanature arbitrariamente abolite, io personalmente provvederò a far ricromare le cornici dei fari e la calandra.

I cerchioni saranno sabbiati e riverniciati a fuoco color alluminio. Le rimetteremo tutta la tappezzeria nuova, i tappetini, e poi tutti gli accessori e le gomme nuove.

Ecco, questo, molto a grandi linee è quello che aspetta la nostra beniamina; e stasera vado a dare l'anticipo per il garage!

Stiamo facendo grandi sforzi e grandi... movimenti, ma sono veramente contento.